You are here

Serie B: Obiettivo raggiunto. La Tiber in Serie B anche nella prossima stagione

I bluarancio tengono in scacco la lanciatissima formazione prenestina di Coach Lulli, per più di trenta minuti senza timori. I due punti in palio, pesantissimi per entrambe le squadre, arricchivano una sfida e la rivalità tra queste due squadre. Per gli ospiti, non ancora certi del primo posto assoluto in chiave play-off (l’anno scorso arrivati in finale per la promozione in A2) , visto il tallonamento da vicino di Barcellona, la parola d’ordine era “nessun passo falso”. . Situazione diametralmente opposta, per la squadra di Coach Polidori, che con una vittoria otterrebbe la matematica salvezza (no play-out), e la conseguente permanenza in Serie B. Ad onor del vero, destino anche nelle mani dei giocatori della Stella (a caccia del 5° in griglia play-off), che in caso di vittoria su Venafro, avrebbero comunque consegnato la salvezza alla TIBER. Partita subito vivace, con il solito Ricciardi (ex applaudito dai numerosi sostenitori verdegiallo presenti al PalaDonati), ad affondare il coltello subito dove fa più male. Le sue percussioni centrali, spezzano la gabbia dei raddoppi che lo staff ospite aveva preparato. DR13, con gambe al tritolo nonostante la veneranda età, si fa beffa di ragazzotti ben più giovani, mandando tutti al manicomio. Umanamente uniti con Coach Lulli, che non si capacita come le “solite” mosse del 13 siano impossibili da arginare, vengono spedi ben 2 time out. A dare profondità agli attacchi bluarancio, ci pensa Valentini che, conferma con i fatti, il premio di miglior under (Marzo) dell’intera Serie B. Paesano, non lo tiene, commettendo falli a ripetizione che lo toglieranno dalla disfida anzitempo. Gli attacchi dominano le difese, e la transizione di Palestrina è roba da manuale del basket. Con grande capacità i prenestini trovano spesso situazioni in sovrannumero che strappano applausi al PalaDonati. La Tiber con Algeri e Ridolfi, ma soprattutto con Padovani, riesce a mettere la testa avanti, e non è per fortuna. Non arrivano i punti di Bertoldo che, marcato stretto non riesce a separarsi e ricevere. Ci pensa Santucci, che segnando poco, ma nei momenti che contano, si piega sulle ginocchia in difesa, recuperando palloni importanti, come quanto dei canestri segnati. Fino all’intervallo, è più TIBER che Palestrina. Tifosi ospiti ammutoliti, con la squadra di Lulli in balia dei lupi di montesacro. Al rientro dagli spogliatoi, dopo l’intervallo lungo, solo il Palestrina in campo, che piazza un parziale importante, che la porta ad un meritatissimo +16. Terzo quarto fatale per il blu arancio, che non segnano più. Il solito grande cuore, e quella sfacciatagine da matricola, riavvicinano le squadre, concedendo l’onore delle armi alla squadra di Polidori, che non si lascia tentare dalle sirene lontane, ovvero ascoltare le radioline sintonizzate sulla partita di Via Flaminia. L’onorevole sconfitta, maturata contro i primi della classe, è di per se un monito per il cammino di questa squadra nel campionato e per il prossimo che si giocherà ancora in Serie B. La sconfitta di Venafro, infatti, apre le porte del paradiso, invece che relegare i nostri ragazzi nel girone dantesco dei play-out. Tutti contenti. Obiettivo raggiunto, anche se a nostro giudizio con qualche sofferenza di troppo. Festa grande negli spogliatoi, con fiumi d’acqua che uscono da sotto la porta. Le prossime sfide (@Scauri e Cassino), saranno ininfluenti in ogni caso. Anticipiamo che durante la partita con Cassino (tra due settimane), avverrà la premiazione di Valentini (Best Under Adidas). Riconoscimento importante per il giocatore, e per tutta la nostra società, che orgogliosamente porta avanti il proprio lavoro, senza clamori, ma con solidi fatti, come questa salvezza e la partecipazione (per il terzo anno consecutivo), alle Finali Nazionali U20Ecc.

Parziali: 24-23; 21-16; 5-19; 17-12

TIBER: Padovani 8; Ricciardi 21; Bertoldo 7; Reali; Ridolfi 8; Algeri 2; Dal Sasso; Valentini 4; Galli NE; Sforza NE; Moretti; Santucci 17. All: Polidori

PALESTRINA: Gatti 5; Alessandri 19; Rossi 24; Molinari; Duranti 7; Paesano 21; Rossi NE; Cecconi NE; Barsanti 4; Fiorucci; Mattei NE; Gobbato. All: Lulli

Alessandro Barilani – Ufficio Stampa US TIBER BASKET©

Post Correlati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti